Beat diabetes: la campagna per la Giornata Mondiale della Salute

Giornata Mondiale della Salute – Beat diabetes

L’obiettivo della Giornata Mondiale della Salute 2016 è porre l’attenzione sul diabete per: aumentare la prevenzione, rafforzare la cura e migliorare l’attenzione su questa malattia. Ma perché l’OMS ha scelto di parlare di diabete in occasione della Giornata Mondiale della salute?

  1. L’epidemia di diabete è in rapida crescita in molti paesi, con l’aumento documentato che si fa sempre più significativo e drammatico nei paesi a basso e medio reddito.
  2. La maggior parte dei casi di diabete sono prevenibili. Alcuni semplici cambiamenti nello stile di vita hanno dimostrato di essere efficaci nel prevenire o ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2: mantenere un peso corporeo nella norma, impegnarsi in una regolare attività fisica e seguire una dieta sana possono ridurre il rischio di diabete.
  3. Il diabete è curabile. Il diabete può essere controllato e gestito per evitare le sue complicazioni. Aumentare l’accesso alla diagnosi, migliorare la formazione dei pazienti all’auto-gestione e il trattamento sono componenti fondamentali.
  4. Gli sforzi per prevenire e curare il diabete sono fondamentali per raggiungere il terzo obiettivo globale di sviluppo sostenibile, la riduzione della mortalità prematura da malattie non trasmissibili di un terzo entro il 2030.

Beat diabetes. Quali sono i principali obiettivi della campagna?

  • Aumentare la consapevolezza sulla malattia: i numeri del diabete, il suo peso e le conseguenze sconcertanti in termini di salute che riguardano in particolare nei paesi a basso e medio reddito.
  • Innescare una serie di azioni specifiche per prevenire il diabete e migliorare la diagnosi, il trattamento e la cura rivolte alle persone che ne soffrono.
  • Avviare il primo rapporto globale sul diabete, che descriverà il peso e le conseguenze del diabete nei sistemi sanitari più forti al fine di garantirne una migliore sorveglianza, il potenziamento della prevenzione e una gestione più efficace della malattia.

Le dieci cose da sapere sul diabete

  1. Circa 347 milioni di persone nel mondo soffrono di diabete.
  2. Si stima che il diabete sarà la settima principale causa di morte nel mondo entro il 2030.
  3. Ci sono due forme principali di diabete: il diabete di tipo 1, caratterizzato dalla mancanza di produzione di insulina, e il diabete di tipo 2 risultato di un inefficace utilizzo di insulina da parte del corpo.
  4. Un terzo tipo di diabete è il diabete gestazionale.
  5. Il diabete di tipo 2 è molto più comune di diabete di tipo 1.
  6. Le malattie cardiovascolari sono responsabili del 50-80% delle morti tra i pazienti con diabete.
  7. Nel 2012 il diabete è stato la causa diretta di 1,5 milioni di morti.
  8. L’80% dei decessi per diabete si verificano in paesi a basso e medio reddito.
  9. Il diabete è una delle principali cause di cecità, amputazioni e insufficienza renale.
  10. Il diabete di tipo 2 può essere prevenuto: trenta minuti di attività fisica di intensità moderata quasi tutti i giorni e una dieta sana può ridurre drasticamente il rischio di sviluppare diabete di tipo 2. Il diabete di tipo 1 non può essere prevenuto.

Psoriasi e diabete: facciamo il punto

Chi soffre di psoriasi è un soggetto che ha un rischio più elevato di sviluppare il diabete: nello specifico la psoriasi aumenta la probabilità di sviluppare il diabete con un rischio direttamente legato alla gravità della malattia. In particolare per i pazienti con una psoriasi severa le probabilità di ammalarsi di diabete arrivano ad essere praticamente raddoppiate, senza variazioni significative fra individui di diversa etnia o nazionalità.

La relazione tra psoriasi e diabete non è delle più semplici, secondo uno studio pubblicato sugli Archives of Dermatology, se la psoriasi è lieve il rischio aumenta in media dell’11% mentre nei malati più gravi poteva raggiungere il 46%. La probabilità di ammalarsi di diabete è oltretutto indipendente dall’età e dal sesso dei pazienti. Infine, essere affetti da una psoriasi grave associata a diabete aumenta il fabbisogno di farmaci per abbassare la glicemia (insulina o ipoglicemizzanti orali).

È necessario aumentare tra i pazienti la consapevolezza che il diabete ha implicazioni metaboliche nefaste e mettere in atto le strategie di prevenzione adeguate:

  1. Prevenire sovrappeso e obesità,anticamera del diabete. Modificare le abitudini alimentari e privilegiando cibi ricchi di fibre, in forma di cereali integrali. Limitare l’assunzione di grassi, saturi in particolare, che si trovano in alimenti come burro, insaccati, tagli grassi di carne, dolci e formaggi.
  2. Ridurre i fattori di rischio cardiovascolare, come il fumo e il colesterolo alto.
  3. Praticare 30 minuti di esercizio fisico ogni giorno.Ovvero: camminare a ritmo sostenuto, fare jogging, nuoto o andare in bicicletta; tutte attività da combinare con il potenziamento muscolare.

 

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte

Print Friendly
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>