Come mai la malattia varia nel tempo?

La psoriasi è una malattia infiammatoria della pelle legata ad un’alterazione della crescita dell’epidermide in alcune parti del corpo. Come tutte le malattie infiammatorie ha un andamento cronico recidivante: in altre parole la malattia varia nel tempo. Nel corso della sua vita, infatti, il paziente va incontro a periodi di remissione e periodi di riacutizzazione. Così se le prime lesioni sulla pelle possono regredire fino quasi a scomparire, con le recidive la sintomatologia può ripresentarsi con placche e lesioni cutanee e con altri disturbi connessi, quali ad esempio il prurito. Le placche e le lesioni cutanee che possono ripresentarsi sono di diverso tipo, in funzione della tipologia di psoriasi da cui il paziente è affetto.

Cosa favorisce le recidive?

A oggi non sappiamo ancora prevedere l’insorgenza di una recidiva: questa si presenta apparentemente senza ragione, anche se è noto che alcuni fattori possono accelerarla. Ad esempio contribuiscono talvolta alla riacutizzazione della psoriasi:

irritazioni cutanee;

lesioni cutanee;

ustioni solari;

infezioni, anche non cutanee come faringiti;

– uso di alcuni farmaci;

stress;

temperature invernali.

Perché dalla psoriasi non si guarisce definitivamente

Se dunque la psoriasi varia nel corso del tempo, le terapie oggi disponibili consentono di controllare il suo andamento garantendo ai pazienti maggiori possibilità di remissioni durature. Come mai non è invece possibile eradicare totalmente la patologia? Secondo un studio condotto alla Rockefeller University (Usa) e pubblicato dal Journal of Clinical Investigation la ragione va ricercata in una specifica popolazione di linfociti T: l’attività alterata di questo sottotipo di cellule, responsabile delle recidive di malattia, non sarebbe ben controllata dalle terapie attuali che sono in grado solo di sopprimerne temporaneamente l’attivazione ma non di bloccarne definitivamente l’attività.

I cambiamenti stagionali della psoriasi

Teniamo presente inoltre che la psoriasi non varia semplicemente nel tempo a causa dell’alternarsi di fasi di attività e di remissione: anche durante l’anno i pazienti possono andare incontro a fasi di maggiore e minore intensità dei sintomi quali prurito, fastidi cutanei e aumento delle lesioni sulla pelle. Le ragioni sono diverse e riguardano stile di vita, ambiente, abitudini e clima.

Ad esempio durante la bella stagione la temperatura e l’umidità possono ridurre la secchezza della pelle e il prurito, ed è inoltre dimostrato che un’esposizione controllata al sole può far regredire le placche. Chi va in vacanza al mare nota spesso che stare nell’acqua ha un effetto esfoliante: il sale aiuta infatti a rimuovere la pelle morta e a controllare le irritazioni. L’importante è tenere a mente che dopo ogni bagno in mare è necessaria una doccia e l’applicazione di creme idratanti: il sale infatti secca la pelle e può far aumentare il prurito. Anche il sudore può peggiorare la sintomatologia.

Attenzione all’ambiente e al freddo

Anche il freddo può influenzare la psoriasi: l’aria fredda e la scarsa umidità possono portare a un peggioramento dei sintomi con arrossamento delle placche e prurito. Per questo, oltre ad essere monitorati presso centri dermatologici specializzati, i pazienti con psoriasi devono verificare l’andamento della sintomatologia anche in funzione dei cambiamenti esterni e stagionali.

Fonti

Sole, mare e riposo per combattere la psoriasi, Humanitas Medical Care, https://www.humanitas-care.it/news/sole-mare-e-riposo-per-combattere-la-psoriasi/

Kechichian E, Ezzedine K. “Vitamin D and the Skin: An Update for Dermatologists”. Am J Clin Dermatol. 2018;19(2):223-235. doi:10.1007/s40257-017-0323-8

Søyland E, Heier I, Rodríguez-Gallego C, et al. “Sun exposure induces rapid immunological changes in skin and peripheral blood in patients with psoriasis”. Br J Dermatol. 2011;164(2):344-355. doi:10.1111/j.1365-2133.2010.10149.xs

Tiago RM et al., “Clinically resolved psoriatic lesions contain psoriasis-specific IL-17–producing αβ T cell clones”, J Clin Invest. 2017;127(11):4031-4041. https://doi.org/10.1172/JCI93396.

Psoriasi, Humanitas Research Hospital, https://www.humanitas.it/malattie/psoriasi

Rousset L et al., “Stress and psoriasis”. Int J Dermatol. 2018;57(10):1165-1172. doi:10.1111/ijd.14032

Print Friendly, PDF & Email
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

TERAPIA
Trattamento >>
CONVIVERE CON LA PSORIASI
Artrite psoriasica e impegno oculare >>
DIAGNOSI
Tera >>

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>