Ecografia o risonanza magnetica per valutare un’entesite?

Come valutare un’entesite : i dati della ricerca

Esame clinico, ecografia e risonanza magnetica a confronto per valutare un’entesite. Uno studio pubblicato sulla rivista Rheumatology and Therapy si è chiesto quale sia il modo migliore  nella situazione clinica di gomito doloroso nell’artrite psoriasica e nell’artrite reumatoide.

La ricerca ha valutato 20 pazienti con dolore al gomito (11 con artrite psoriasica e 9 con artrite reumatoide), i quali hanno eseguito esami clinici, ecografia e risonanza magnetica.
In base ai risultati, nel valutare il dolore al gomito, l’ecografia e la risonanza magnetica sembrano svolgere ruoli diversi nella valutazione dell’entesite: l’ecografia apparentemente è lo strumento diagnostico migliore per valutare il danno, mentre la risonanza magnetica il più adatto a valutare l’infiammazione. In questo studio l’entesite e la sinovite in presenza di dolore al gomito sono state ugualmente riscontrate nei casi di artrite psoriasica a artrite reumatoide.

Per valutare l’entesite sono state esaminate le inserzioni di estensori e flessori comuni e l’inserzione del tricipite (20 pazienti, per un totale di 60 siti esaminati con relativi dati comparativi). Ogni esame è stato eseguito da radiologi all’oscuro della diagnosi e dei risultati clinici.

L’ecografia è stata usata per valutare l’attività infiammatoria (segnale Power Doppler, edema, ispessimento del tendine e gonfiore della borsa) e il danno (erosioni, irruvidimento corticale ed entesofita). La risonanza magnetica per valutare l’infiammazione (liquido nel paratenon, edema dei tessuti molli peri- enteseali, edema enteseale e edema osseo) e il danno (erosione, irruvidimento ed entesofita).

Per ogni paziente erano disponibili dati comparativi ad eccezione di un unico paziente che non sopportava la risonanza magnetica. Dall’analisi dei risultati non è emersa nessuna differenza significativa nei punteggi di imaging tra artrite psoriasica e artrite reumatoide.

La valutazione del danno è stata rivelata in completo accordo comparando i dati della ecografia con quelli della risonanza magnetica, in 43 confronti su 55 (78%); in 10 casi su 55 (18%) i dati ecografici erano anormali ma i dati della risonanza magnetica normali; in 2 casi su 55 (4%) i dati di risonanza magnetica erano anormali e quelli dell’ecografia normali.

L’analisi dei punteggi relativi all’infiammazione ha rilevato completo accordo tra dati ecografici e della risonanza magnetica in 33 confronti su 55 (60%); in 3 casi su 55 (5%) i dati ecografici erano anormali ma i dati della risonanza normali; in 19 casi su 55 (35%) i dati della risonanza magnetica erano anormali e i dati degli ecografici normali.

 

Cos’è l’entesite: definizione e ruolo

Con il termine entesite si intende uno stato infiammatorio e doloroso che colpisce l’inserzione dei tendini e dei legamenti su un osso.

L’entesite è un aspetto importante delle spondiloartropatie. Svolge un ruolo fondamentale nei cambiamenti spinali che si verificano nella spondilite anchilosante e può avere un ruolo simile nella componenete periferica dell’artrite psoriasica (PsA) e in altre spondiloartropatie.

L’artrite reumatoide è una patologia diversa dall’artrite psoriasica in termini di genetica, patogenesi, presentazione ed esito. È stato ipotizzato che nell’artrite reumatoide la lesione patologica primaria si verifichi nella sinovia mentre nell’artrite psoriasica nell’entesi. Secondo questa ipotesi, nell’artrite psoriasica la sinovite è considerata secondaria rispetto alla malattia extra capsulare. D’altra parte, un certo numero di autori ha riconosciuto l’insorgenza di entesite come parte dello spettro della malattia per l’artrite reumatoide. Per questo motivo, nel momento il paziente che presenta sia la sinovite sia l’entesite potrebbe rendere complicata la diagnosi.

Tuttavia, sono state descritte differenze che possono guidare la diagnosi differenziale e permettere di distinguere la presenza di una patologia rispetto all’altra: coinvolgimento simmetrico, osteopenia periarticolare ed erosioni marginali nell’artrite reumatoide; sostanza ossea relativamente conservata, erosioni paramarginali, osteolisi, perisostite e proliferazione ossea periarticolare nell’artrite psoriasica.

 

Ecografia o risonanza magnetica

In che modo queste due analisi possono supportare la diagnosi? Lo scopo dello studio era triplice:

  1. in primo luogo, esaminare la relazione tra entesite e sinovite, confrontando i dati degli esami clinici e di imaging di questa area anatomica nell’artrite psoriasica e nell’artrite reumatoide;
  2. in secondo luogo, esaminare la relazione tra entesite clinica ed entesite riscontrata tramite imaging;
  3. in terzo luogo, confrontare l’ecografia e la risonanza magnetica in termini di capacità di identificare le caratteristiche dell’entesite.

L’ipotesi di partenza era che la sinovite fosse più frequente nell’artrite reumatoide e l’entesite nell’artrite psoriasica; poi che ci sarebbe stata una scarsa relazione tra entesite clinica e entesite identificata tramite ecografia e risonanza magnetica; infine, che le ecografie avrebbero fornito più informazioni rispetto alla risonanza magnetica sull’entesite localizzata al gomito.

È emerso che pur fornendo informazioni differenti su infiammazione e danno, ecografia e risonanza magnetica rimangono modalità complementari.

La relazione tra entesite clinica e imaging e sinovite è scarsa. Inoltre, è impossibile identificare accuratamente un gruppo di malattie dai soli risultati di imaging, sia con ecografia che con risonanza magnetica.

In altre parole, non è stata riscontrata nessuna differenza tra artrite psoriasica e artrite reumatoide in termini di entesite. Inoltre, è stata trovata una scarsa relazione tra le valutazioni cliniche e di imaging e tra le diverse modalità di imaging.

Le ecografie si sono qualificate come il migliore strumento per valutare il danno all’entesi e la risonanza magnetica il migliore per valutare l’infiammazione. Tuttavia, la scelta di fare una risonanza magnetica è più complessa e costosa, e per questo dovrebbe essere considerata come la linea di indagine successiva a seguito di un normale risultato tramite ecografia.

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte

Groves C, Chandramohan M, Chew NS, Aslam T, Helliwell PS. Clinical Examination, Ultrasound and MRI Imaging of The Painful Elbow in Psoriatic Arthritis and Rheumatoid Arthritis: Which is Better, Ultrasound or MR, for Imaging Enthesitis? Rheumatol Ther 2017; 4:71–84.

 

Print Friendly
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>