La psoriasi o l’artrite psoriasica vi tengono svegli? Provate con questi rimedi

Sintomi come il dolore e il prurito, ma anche una condizione di disagio emotivo legata alla malattia, possono causare in pazienti con artrite e psoriasica o psoriasi uno stato di insonnia o contribuire ad un sonno di scarsa qualità che a sua volta può comportare un peggioramento dei sintomi della malattia psoriasica. Quali strategie mettere in atto per dormire meglio?

Malattia psoriasica e qualità del sonno

La dottoressa Callis Duffin, dermatologa presso la University of Utah, ha portato avanti varie ricerche che provassero ad indagare nel dettaglio il collegamento tra malattia psoriasica e qualità del sonno, ed ha scoperto che le persone con psoriasi e artrite psoriasica hanno più spesso problemi di sonno o che hanno problemi di sonno più gravi rispetto alla popolazione generale. La presenza di sintomi come il prurito e il dolore possono portare ad un sonno di scarsa qualità che a sua volta può innescare stanchezza e stress, che lavorano a peggiorare i sintomi di psoriasi e artrite psoriasica.

Psoriasi, artrite psoriasica e qualità del sonno: i dati

Molte persone che hanno apnea durante il sonno non lo sanno e, secondo la dottoressa Callis Duffin, chi soffre di psoriasi dovrebbe prestare ancora più attenzione a questa eventualità, dal momento che il rischio che si verifichino apnee durante il sonno è più elevato che nella popolazione generale. Ma quando è giusto alzare il livello di attenzione? Sicuramente quando si sperimentano alcuni sintomi specifici come russare, svegliarsi con un mal di testa o provare una sensazione di grande stanchezza durante il giorno. Inoltre, va ricordato che in presenza di una condizione di sovra peso o obesità la correlazione tra questi sintomi, la presenza di psoriasi e la possibilità che si verifichino apnee notturne è sicuramente più forte. Quali sono gli altri sintomi che devono destare l’attenzione? Sicuramente le persone con psoriasi e artrite psoriasica possono sperimentare problemi di sonno come difficoltà a prendere sonno, una maggiore frequenza dei risvegli notturni o la sindrome delle gambe senza riposo.

Psoriasi, artrite psoriasica e qualità del sonno: i rimedi

Che fare, dunque, se si hanno difficoltà ad addormentarsi o se il sonno notturno non è di buona qualità? Innanzitutto è bene tenere presente che i disturbi del sonno tendono a peggiorare e cronicizzate con il passare degli anni, quindi,s tando ai suggerimenti della Callis Duffin, è meglio intervenire quanto prima con opportune strategie di prevenzione. Uno strumento utilissimo per affrontare il problema è quello di tenere traccia dei propri sintomi attraverso un diario del sonno da condividere poi con il proprio medico, in modo da impostare un’adeguata strategia di gestione della malattia che tenga conto anche della qualità del sonno. La ricerca sulle complesse connessioni tra il sonno e la salute in generale e il sonno e la psoriasi o artrite psoriasica in particolare è solo all’inizio e sono necessari ulteriori studi, ma una cosa è chiara sin da ora, un buon riposo notturno dovrebbe essere una parte importante di un corretto e adeguato piano generale di gestione della psoriasi. Infine ricorda, la Callis Duffin, che una scarsa qualità del sonno di fatto oltre a correlarsi con la psoriasi e l’artrite psoriasica, presenta anche una maggiore correlazione con le patologie cardiovascolari, il diabete, la depressione e altre malattie che vedono già un rischio di incidenza aumentato in presenza di psoriasi e artrite psoriasica.

Come ottenere un sonno migliore?

Trattare i problemi che possono determinare una scarsa qualità del sonno notturno può effettivamente aiutare sia nelmigliorare l’umore generale sia nella gestione dei sintomi della malattia psoriasica. Per coloro che non hanno ancora una vera a e propria condizione di apnea durante il sonno, ma si ritrovano a svegliarsi spesso o rinunciare a preziosi momenti di riposo, per una corretta strategia verso una buona igiene del sonno possono aiutare molto:

  • assicurarsi che la stanza in cui si dorme sia buia
  • trovare un adeguato ritmo e rituale del sonno: svegliarsi e addormentarsi alla stessa ora ogni giorno
  • eliminare dalla stanza in cui si dormirà qualsiasi rumore e distrazione
  • tenere la camera arieggiata durante il giorno e ricercare una temperatura confortevole (fresca d’estate e calda d’inverno)
  • evitare il consumo di sostanze stimolanti come la caffeina prima di andare a dormire
  • nel momento dell’addormentamento, evitare di leggere o guardare la TV

Se nonostante abbiate provato a mettere in pratica questi piccoli suggerimenti il vostro sonno continua a non esseredi qualità o continuate a svegliarvi è il caso di affrontare anche questo argomento con il medico.

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte:

  • National Psoriasis Foundation

 

 

Print Friendly
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>