Più responsabili per migliorare l’aderenza alla terapia

Cosa si intende per aderenza alla terapia?

Aderire alla terapia vuol dire seguire al meglio le indicazioni dello specialista per quanto riguarda i tempi, il dosaggio, la frequenza e la durata di somministrazione dei farmaci prescritti. Perché è fondamentale aderire correttamente alla terapia? Perché una scarsa aderenza alle indicazioni terapeutiche proposte dal medico può compromettere l’efficacia della terapia, con un conseguente aggravamento delle condizioni di salute e un peggioramento della qualità della vita.

Nonostante i rischi a cui i pazienti si espongono siano alti, la scarsa capacità di aderire ad una terapia è un fenomeno sociale trasversale a tutte le malattie: in media il 50% dei farmaci per malattie croniche non vengono presi come da prescrizione. Le conseguenze, così come la responsabilità, di questo fallimento sono distribuite equamente tra medici, pazienti e caregiver.

L’aderenza alla terapia nel paziente con psoriasi

Dati recenti mostrano come soltanto la metà (50-60%) dei pazienti affetti da psoriasi segua le indicazioni e le terapie prescritte dai medici. Per lo specialista dermatologo diventa, quindi, fondamentale interrogarsi su quali siano le motivazioni che portano questi pazienti ad un approccio discontinuo alla terapia.
Spesso si tratta di terapie complesse, che a fatica si adattano allo stile di vita del paziente. Talvolta, le difficoltà risiedono nella comunicazione tra medico e paziente, non sempre sufficientemente empatica, informativa e motivante.  Inoltre, secondo un recente studio giapponese, condotto su pazienti affetti da psoriasi in terapia con farmaci biologici e pubblicato su The Journal of Dermatology, sono tre gli elementi che di più influiscono su una migliore aderenza alla terapia:

  1. costo dei farmaci
  2. frequenza delle visite
  3. effetti collaterali della terapia.

Come è possibile migliorare la propria capacità di aderire alla terapia?

Una recente riflessione su JAMA offre una serie di strategie per migliorare la compliance nei pazienti, estremamente funzionali anche al paziente con psoriasi.
L’articolo Ingredients of Successful Interventions to Improve Medication Adherence descrive alcuni step basilari nella relazione medico-paziente, affinché il consulto medico diventi un’occasione per supportare e rafforzare i pazienti nel seguire al meglio le terapie.

Fare in modo che i pazienti prendano i farmaci correttamente non è così facile come prescriverli. Per assicurarsi una corretta aderenza alla terapia è necessario che il paziente sia informato sul farmaco che sta assumendo, sappia se quel farmaco funzionerà e come assumerlo correttamente. E, per quanto banali sembrino queste riflessioni, non fanno così spesso parte di un colloquio standard tra medico e paziente.

Quali sono le strategie affinché il paziente non sia discontinuo nella cura? Quali sono i trucchi perché il paziente sia in grado di seguire le indicazioni dello specialista in termini di tempistica, dosaggio, frequenza e durata di somministrazione dei farmaci prescritti?
La parola fondante sembra essere accountability: è importante che il paziente sia messo nella condizione di capire che la sua salute è nelle sue mani.

Cosa aspettarsi dal medico?

Sostanzialmente che sia capace di rendere il paziente co-responsabile della riuscita della cura. La relazione che si stabilisce tra medici e pazienti è in grado di generare un legame che può essere sfruttato per ottenere una migliore aderenza alla terapia. Non basta l’approccio standard di prescrivere la terapia per rivedersi dopo 8-12 settimane perché minimizza le responsabilità attive del paziente nel usare al meglio il farmaco.

Il paziente deve diventare parte consapevole, dunque, parte attiva del suo percorso di cura. La relazione medico-paziente, deve ruotare attorno al concetto di ‘accountability’: il paziente deve essere messo nella condizione di poter capire, spiegare, giustificare, motivare la propria condotta in relazione alla terapia prescritta. In altre parole, il medico deve fornire al paziente tutti gli elementi che gli permettano di assumersi la responsabilità attiva della sua salute.

Quali sono gli strumenti per facilitare l’aderenza alla terapia?

La riflessione su JAMA propone quattro livelli di intervento per migliorare la compliance nel paziente, anche quando affetto da psoriasi.

  1. Patient knowledge: rendere i pazienti informati e consapevoli della malattia, ma anche della cura. È necessario che il medico comprenda quanto il paziente sappia della malattia e come la percepisca. Il medico, inoltre, deve essere in grado di chiarire dubbi e fugare incertezze, modulando le informazioni in funzione del contesto e del livello culturale del paziente che ha di fronte.  È fondamentale che il paziente conosca il farmaco prescritto, sappia come prenderlo e perché aderire alla terapia sia così importante per la sua salute.
  2. Counselling e accountability: per mettere i pazienti nelle condizioni di assumersi la responsabilità della propria salute. Sono diversi gli strumenti che possono essere utilizzati affinché il paziente possa trovare un interlocutore con cui confrontarsi: oltre la sede ambulatoriale, è fondamentale che il paziente possa aprirsi al confronto (moderato da operatori sanitari) con altri pazienti o usufruire di consulti (diretti, telefonici o via email) con lo specialista. Rafforzare la consapevolezza e la responsabilizzazione del paziente è fondamentale anche per un corretto automonitoraggio della terapia.
  3. Automonitoraggio della terapia. È importante fornire al paziente tutti gli strumenti per monitorare il suo percorso di cura. Ad esempio, è utile tenere una sorta di diario in cui annotare: orario di assunzione del farmaco, dubbi, effetti indesiderati o miglioramenti significativi, valori dei parametri clinici significativi, etc. Un diario della cura può essere uno strumento fondamentale sia per il paziente per capire quanto riesce a seguire le indicazioni terapeutiche o quali difficoltà incontra sia per il medico che potrà così adattare la terapia in funzione della reazione del paziente.
  4. Dare la priorità all’acquisto del farmaco. Fornire spiegazioni sul costo dei farmaci e aiutare i pazienti a comprendere i benefici della terapia e la necessità di dare priorità all’acquisto del farmaco.

Dott.ssa Norina Wendy Di Blasio, Scientific Editor

Fonti
LL Zullig, ED Peterson, HB Bosworth. Ingredients of Successful Interventions to Improve Medication Adherence JAMA 2013 Nov 21;[EPub Ahead of Print]
Umezawa Y, Nobeyama M, Hayashi O, et al. Drug survival rates in patients with psoriasis after treatment with Biologics. J Dermatol 2013;40(12)1008-1013.

Print Friendly, PDF & Email
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>