La psoriasi nei bambini: a che punto siamo?

Sottoporre a controlli regolari i bambini che soffrono di psoriasi potrebbe mitigare i rischi di salute futuri? Ha provato a rispondere a questa domanda un gruppo di esperti attraverso un documento di consenso, pubblicato sulle pagine della rivista JAMA Dermatology. Stando alle Pediatric Psoriasis Comorbidity Screening Guidelines: “I bambini con psoriasi dovrebbero sottoporsi a screening di routine per le comorbilità associate”.

Caratteristiche della psoriasi pediatrica

La psoriasi pediatrica è un’importante malattia infiammatoria immunomediata della pelle con un potenziale impatto significativo sugli individui che ne sono affetti e sui loro caregiver.
La psoriasi a esordio infantile è una malattia della pelle che negli ultimi anni sta ricevendo un’attenzione crescente a causa dei suoi significativi oneri medici, sociali, finanziari e psicologici e delle sue comorbilità associate. A fronte dei dati ancora limitati e della mancanza di linee guida di gestione standardizzate per la psoriasi pediatrica, resta di fondamentale importanza offrire una panoramica aggiornata e una guida pratica per la gestione della popolazione pediatrica quando colpita dalla malattia.

Come si evolve la psoriasi pediatrica?

Per comprendere l’evoluzione della psoriasi pediatrica, è necessario includere aspetti specifici come l’epidemiologia e la storia naturale della malattia, i fattori scatenanti e aggravanti, la qualità della vita e il peso della malattia, le caratteristiche cliniche e la presentazione della malattia, la diagnosi differenziale, la patogenesi e il trattamento.
In particolare, se un tempo si riteneva che la psoriasi fosse un problema esclusivamente a carico della pelle, oggi sappiamo, soprattutto dalle ricerche sull’adulto, che la pelle funziona da sistema di rilevamento precoce che ci avvisa dell’infiammazione sistemica.

Psoriasi e malattie correlate

Cosa sappiamo sulla psoriasi e sulle malattie correlate? La psoriasi è una malattia multi-sistemica associata a numerose altre malattie. In altre parole, le persone che soffrono di psoriasi hanno un rischio più elevato di soffrire, ad esempio, di malattie cardiovascolari, diabete, artrite e malattie infiammatorie dell’intestino. Il rischio di comorbilità può essere presente già dall’infanzia? Se l’impatto di questa malattia iniziasse molto prima di quanto si pensasse, identificare i bambini in tenera età potrebbe potenzialmente mitigare i rischi, con un conseguente impatto positivo sulla salute dei bambini?

Psoriasi e bambini: il rischio di comorbilità comincia dall’infanzia?

Ha provato a rispondere a questa serie di domande un gruppo di esperti, con un documento di consenso pubblicato sulle pagine della rivista JAMA Dermatology.
La rivista ha esaminato la letteratura corrente per provare a compilare le linee guida in tema di screening per i pazienti con psoriasi pediatrica. Stando alle Pediatric Psoriasis Comorbidity Screening Guidelines: “I piccoli pazienti con psoriasi dovrebbero sottoporsi a screening di routine per le comorbilità associate”. Ma è davvero così importante?
Educare i pazienti e le loro famiglie sulle condizioni associate, migliorare le loro scelte di vita in anticipo e fornire un ambiente di supporto sono componenti chiave per la gestione della loro salute in generale”, è uno dei messaggi chiave sottolineato dagli autori delle linee guida. “La comunicazione e la collaborazione tra dermatologi, medici pediatri e altri specialisti pediatrici sarà fondamentale per portare a termine le raccomandazioni e per limitare le conseguenze di questo disturbo”, è un altro messaggio chiave.

Cosa emerge dal documento?

Innanzitutto che il numero esiguo di prove disponibili in letteratura sulla popolazione pediatrica non permette di giustificare protocolli di screening intensivo per i bambini con psoriasi e che la maggior parte delle raccomandazioni emerse sono coerenti con quelle approvate dall’American Academy of Pediatric per il paziente pediatrico generale, con un’attenzione particolare ai segni e ai sintomi di artrite, depressione e ansia. Tuttavia, il documento di consenso prova a riassumere le raccomandazioni di screening per pazienti con psoriasi pediatrica, fornendo indicazioni di massima su cosa i medici possono consigliare ai genitori di bambini con psoriasi.

Come deve essere eseguito lo screening?

Lo screening deve essere eseguito per il diabete mellito di tipo 2 con glicemia a digiuno, dislipidemia, ipertensione e steatosi epatica non alcolica nei bambini con obesità o in sovrappeso. Sebbene possa essere associata alla psoriasi (almeno negli adulti), non esistono raccomandazioni di screening per la sindrome dell’ovaio policistico o per le malattie gastrointestinali.
Tutti i pazienti devono essere sottoposti a screening per l’artrite psoriasica con un esame fisico e una revisione diretta delle articolazioni. Lo screening per l’uveite con esami oftalmologici di routine è giustificato sono nei piccoli pazienti con concomitante artrite psoriasica.
Un’attenzione particolare dovrebbe essere rivolta allo screening annuale per la depressione e l’ansia a qualsiasi età e l’abuso di sostanze a partire dagli 11 anni di età, poiché i bambini con la malattia sembrerebbero a maggior rischio di disturbi dell’umore e di abuso di sostanze. Anche le domande sugli effetti della psoriasi sulla qualità di vita del paziente sono da incoraggiare.

Bambini con psoriasi: qualche suggerimento

In primo luogo, è importante fare attenzione al peso e all’indice di massa corporea nei bambini con psoriasi, incoraggiando i genitori dei bambini sovrappeso a discutere di problemi di peso con il loro pediatra.
Come?
• Ricordando che l’obesità si verifica più spesso in soggetti con psoriasi e che il sovrappeso è problematico in vari modi: dall’influenza sulle risposte alle terapie per la psoriasi all’aumento del rischio di diabete, ipertensione e colesterolo.
• In secondo luogo è importante parlare con i bambini e con i loro genitori di come la psoriasi possa mettere le persone a disagio e questo possa far sentire il paziente triste.
È importante toccare questo tasto perché consente sia al paziente sia ai suoi genitori di iniziare a parlare di ciò che potrebbe altrimenti restare un argomento tabù. Ma, soprattutto, è importante infondere coraggio e parlare di quanto le cure per contrastare la psoriasi siano oggi davvero efficaci con genitori e bambini.

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte

Eichenfield LF, Paller AS, Tom WL, et al. Pediatric psoriasis: Evolving perspectives. Pediatr Dermatol
2018;35(2):170-181. doi: 10.1111/pde.13382. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29314219
Osier E, Wang AS, Tollefson MM, et al. Pediatric Psoriasis Comorbidity Screening Guidelines. JAMA Dermatology 2017. DOI: 10.1001/jamadermatol.2017.0499 https://jamanetwork.com/journals/jamadermatology/article-abstract/2627297

Print Friendly, PDF & Email
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>