Psoriasi e sole: la giusta protezione

Il sole aiuta la psoriasi?

Per chi soffre di una patologia cronica come la psoriasi, seguire alcune piccole accortezze è molto importante per affrontare al meglio l’estate; una stagione estremamente positiva per questa malattia.

In caso si soffra di psoriasi di qualsiasi gravità, così come di una qualsiasi patologia infiammatoria della pelle, prima di esporsi al sole, è importante parlarne con il proprio medico dermatologo in modo da ricevere consigli che tengano conto per ogni paziente della sua specifica condizione.

Nel colloquio con il proprio medico è utile affrontare il tema delle eventuali interazioni tra sole e trattamento farmacologico in corso: alcune terapie possono essere fotosensibilizzanti e vanno quindi interrotte o supportate da accorgimenti specifici durante i periodi di esposizione solare prolungata. D’estate, inoltre, i farmaci biologici vanno conservati in frigorifero.

Sempre insieme al vostro medico potete valutare la possibilità di assumere o meno, a partire da almeno un mese prima, integratori specifici per la foto esposizione.

In genere l’esposizione al sole e il caldo dell’estate hanno un effetto positivo sulla psoriasi, nella maggior parte dei pazienti facilitano la regressione della malattia, o, addirittura, portano alla piena scomparsa delle lesioni. Questo vale per la maggioranza dei pazienti. Tuttavia, in alcuni pazienti si può verificare un peggioramento; ad esempio per le forme pustolosa ed eritrodermica della malattia.

Come gestire la psoriasi d’estate?

Il sole in genere migliora sintomi e segni della psoriasi, ma vanno evitate le scottature. Infatti, oltre a aumentare il rischio di cancro della pelle, è possibile che le scottature, così come ogni trauma della pelle, peggiorino la psoriasi. La regola generale è dunque quella di esporsi al sole, ma con cautela, scegliendo le ore meno calde del giorno e applicando sempre creme solari ad alta protezione. Inoltre, munirsi di un cappello a falde larghe, occhiali da sole e creme ad alta protezione.

Leggi anche Abbronzatura sicura: le dieci parole chiave 

Bere di più. Con il caldo è bene idratarsi meglio e bere di più: aumentare il consumo di acqua e succhi e ridurre al minimo il consumo di alcoolici.

Se le lesioni rosse della psoriasi colpiscono alcune zone come ascelle, inguine, e sotto il seno, il calore e il sudore possono peggiorare la situazione. In questo caso meglio evitare di surriscaldarsi, fare docce frequenti quando si suda molto, cercando di utilizzare prodotti detergenti non aggressivi, in modo da non irritare la vostra pelle. Meglio infine, scegliere abiti freschi, comodi, in fibra naturale, e calzature aperte, in modo che la pelle possa traspirare e restare asciutta.

Se l’aria condizionata può risparmiarvi un po’ di sudorazione, ricordate che tende anche a seccare la pelle. Se passate molto tempo in un ambiente con l’aria condizionata, meglio idratare la pelle con una crema o unguento una o due volte al giorno.

Oltre all’esposizione ai raggi del sole, d’estate è importante tenere conto del fatto che tutto il corpo è maggiormente scoperto ed esposto, è piuttosto importante dunque fare attenzione ai traumi ai quali si è più esposti. Sappiamo infatti che i traumi di tipo fisico, ferite, abrasioni, tagli, ustioni, ma anche il semplice grattamento, possono provocare la comparsa di chiazze di psoriasi nelle zone incidentate.

Proteggersi quando si fa giardinaggio. La primavera e l’estate sono le stagioni ideali per rimettersi all’opera in giardino o sul terrazzo. Ma fate attenzione mentre lavorate: graffiarsi con le spine o con un ramo o sfiorare una pianta urticante (peggio ancora se edera velenosa) sono esperienze che possono innescare fenomeni Koebner. Così come le punture di insetto. Bastano tuttavia semplici accortezze. Ad esempio, per proteggere la pelle potete indossare maniche lunghe, pantaloni lunghi e guanti quando state in giardino. E non indossare scarpe aperte in punta.

Leggi anche psoriasi e artrite psoriasica: 10 consigli per il giardinaggio sicuro

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte: 

  • National Psoriasis Foundation: Koebner Phenomenon
  • com: Summer Tips for Psoriasis
  • Søyland E, Heier I, Rodríguez-Gallego C. Sun exposure induces rapid immunological changes in skin and peripheral blood in patients with psoriasis. Br J Dermatol 2011;164(2):344-55.
Print Friendly

0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>