Sonno e dolore cronico: quale relazione esiste?

A fare luce sul ruolo della qualità del sonno nell’insorgenza del dolore cronico sono i risultati di due studi svedesi presentati quest’anno in occasione dell’Annual European Congress of Rheumatology (EULAR 2018)

Uno studio fornisce una visione approfondita della relazione tra il dolore cronico di natura muscolo-scheletrica e il sonno negli adolescenti, l’altro studio dimostra il ruolo predittivo dei disturbi del sonno sulla possibilità di sviluppare dolore cronico. Si tratta di dati molto importanti che aiutano a chiarire il ruolo del sonno nell’esordio e nella gestione del dolore cronico, evidenziandolo come un fattore di rischio potenzialmente modificabile per alleviare il disagio in questi pazienti da discutere nella visita medica.

“La relazione tra dolore e sonno è complessa” spiega Robert Landewé, a capo dello Scientific Programme Committee dell’EULAR. “Le conseguenze dei disturbi del sonno possono influenzare la percezione del dolore e, a sua volta, il dolore può interferire con la qualità del sonno”. Si innesca così un circolo vizioso che deve essere indagato durante il colloquio con il medico.

Sonno e dolore cronico di natura muscolo-scheletrica negli adolescenti

La prima ricerca mostra come sia i problemi con il sonno che l’ansia siano associati al dolore muscolo-scheletrico cronico negli adolescenti. Secondo i dati: uno studente su dieci ha sofferto di dolore cronico muscolo-scheletrico e il disturbo era associato maggiormente a problemi gravi del sonno e probabili casi di ansia.

“Sebbene la relazione tra sonno e dolore sia complessa, i nostri risultati indicano chiaramente una forte associazione che merita ulteriori indagini”, ha detto Julia S. Malmborg, dottoranda presso il Rydberg Laboratory for Applied Sciences della Halmstad University in Svezia. “Dal momento che entrambi i problemi influenzano il benessere fisiologico e psicologico dei pazienti, ci auguriamo che questi risultati vengano utilizzati dagli operatori sanitari già all’interno delle scuole per promuovere la salute tra gli studenti”.

Lo studio ha incluso 254 studenti di una scuola svedese che hanno risposto a questionari che hanno indagato dolore cronico, problemi del sonno, stress, ansia e depressione. L’età media dei partecipanti era 16,1 anni e due terzi erano ragazze. Il dolore cronico muscolo-scheletrico è stato identificato nel 9,8% degli studenti senza alcuna differenza tra maschi e femmine. Il disturbo era significativamente associato alla segnalazione di gravi problemi del sonno e anche probabili casi di ansia.

Ruolo predittivo della qualità del sonno nel dolore cronico

Stando ai risultati di uno studio prospettico, sempre svedese, durato ben 20 anni, i problemi del sonno sono predittivi dell’insorgenza del dolore cronico diffuso. All’interno di questa ricerca tutti e quattro i parametri analizzati relativi al sonno – difficoltà nell’addormentarsi, mantenere il sonno, il risveglio mattutino e il sonno non ristoratore – e il parametro correlato all’affaticamento sono risultati associati all’insorgenza di dolore cronico diffuso dopo cinque anni, in un modello di analisi aggiustato per età, genere, estrazione socio-economica e salute mentale. Inoltre, quasi tutti i parametri sono stati indicativi dell’insorgenza di dolore cronico a 18 anni.

“I nostri risultati dimostrano che i problemi del sonno sono un importante fattore predittivo per la prognosi del dolore cronico e sottolineano l’importanza della valutazione della qualità del sonno nella pratica clinica”, ha detto Katarina Aili, dello Spenshult Research and Development Center di Halmstad in Svezia.

Fonte

  • Aili K, Andersson M, Bremander A, et al. Sleep problems and fatigue as a predictor for the onset of chronic widespread pain over a 5- and 18-year perspective. A 20-year prospective study. EULAR 2018; Amsterdam: Abstract OP0072.
  • Malmborg JS, Bremander A, Olsson MC, et al. Sleeping problems and anxiety is associated to chronic multisite musculoskeletal pain in Swedish high school students. EULAR 2018; Amsterdam: Abstract OP0361-HPR.
Print Friendly

TAGS

0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>