Prevenzione

 

CONVIVERE CON L’ARTRITE PSORIASICA

Sono diversi gli strumenti che possono aiutare a diminuire il dolore e migliorare la capacità di movimento di un paziente con artrite psoriasica.

La fisioterapia, la terapia occupazionale, l’attività fisica e le tecniche di rilassamento sono una parte molto importante del trattamento della malattia.

MOVIMENTO

L’attività fisica protegge le articolazioni, rafforzando i muscoli. Muscoli e tendini svolgono una funzione di sostegno delle articolazioni indebolite e danneggiate dall’artrite. Pianificare dell’attività fisica, con l’aiuto anche di trainer o fisioterapista, può contribuire a ridurre il dolore e la fatica, migliorando la mobilità e la forma fisica generale, con un effetto positivo sull’umore.

RELAX

Maturare la capacità di rilassarsi è di grande aiuto a mantenere una condizione di equilibrio nella vostra vita. Acquisire delle tecniche di rilassamento significa avere la sensazione di un maggiore controllo sulla malattia e riesce a metterci in una prospettiva più positiva.
Da dove iniziare? Il primo step è imparare a rilassare i muscoli intorno alla zona dove percepiamo maggiormente il dolore. Qualche suggerimento:

  1. Apprendere qualche tecnica di respirazione profonda.
  2. Ascoltare della buona musica che aiuti a rilassarci.
  3. Imparare ad immaginare o visualizzare attività piacevoli.

MANGIARE SANO

Una corretta alimentazione è fondamentale per il controllo del peso corporeo e per gestire i sintomi della psoriasi artropatica: essere in sovrappeso significa mettere un sovraccarico sulle articolazioni e le ossa che sono adibite a sostenere il peso del nostro corpo (schiena, anca, ginocchio, caviglie e piedi). Se siete in sovrappeso e avete l’artrite, prendete in considerazione una dieta equilibrata in modo da raggiungere e mantenere un peso adeguato. Se non siete in sovrappeso, mangiare sano è comunque un modo efficace per ottenere l’energia di cui avete bisogno per far fronte alle vostre attività quotidiane nonostante gli impedimenti dovuti alla malattia.

PROTEGGERE LE ARTICOLAZIONI

Proteggere le articolazioni significa mettere in atto un insieme di strategie di supporto nello svolgere le normali attività quotidiane con il minore sforzo possibile e utilizzando correttamente le articolazioni per evitare un sovraccarico o una sollecitazione errata delle strutture osteo-articolari.

Un atteggiamento corretto, permetterà di sperimentare meno dolore, di svolgere tutte le attività più facilmente e di proteggere le articolazioni da ulteriori danni.
Proteggere le articolazioni, tuttavia, non significa limitarsi nelle attività, ma acquisire un metodo di lavoro fatto di piccoli e semplici accorgimenti che oltre a ridurre o evitare il dolore ritardano e prevengono deformità tipiche dell’infiammazione.

Alcuni consigli per proteggere le articolazioni:

  1. Rispetta i tuoi limiti di affaticamento. È meglio stimolare le articolazioni alternando attività pesanti o ripetute, con attività più leggere. Ma anche prendersi delle pause per ridurre lo stress a carico delle articolazioni dolenti e permette di conservare energia, consentendo ai muscoli indeboliti di riposare.
  2. Posiziona le articolazioni correttamente in modo da permettere il giusto allineamento tra le varie articolazioni e diminuire lo sforzo in eccesso. Alcuni suggerimenti: la posizione accovacciata o quella in ginocchio possono sottoporre ad uno stress eccessivo e non necessario fianchi e ginocchia. Per sollevare o trasportare oggetti pesanti meglio tenere gli oggetti all’altezza della vita e posizionarli vicino al corpo in modo da scaricare il peso su varie articolazioni.  Inoltre: meglio usare le rotelle per trasportare spingendo invece che sollevando.
  3. Stai seduto quando puoi, servirà a diminuire il carico di fatica sull’anca e sul ginocchio. Stirare, pulire le verdure, lavare sono attività che possono essere svolte senza il bisogno di stare in piedi, meglio stare seduti su una sedia da ufficio che può essere regolabile in altezza e in inclinazione.
  4. Parla con il tuo medico della possibilità di vedere un terapista occupazionale o un fisioterapista, che possa consigliarti supporti o dispositivi che aiutino ad allineare e sostenere le articolazioni durante le attività quotidiane.
  5. Usa dispositivi di assistenza per affaticare meno l’articolazione e il muscolo, facilitando le attività quotidiane. Usa dispositivi per raccogliere oggetti da terra e un bastone per camminare in modo da diminuire lo stress su anca e ginocchio. Usa posate con manico grosso e la presa a piena mano, per diminuire lo stress sulle articolazioni delicate della mano.

ARTRITE PSORIASICA ED ESERCIZIO FISICO: IN 5 TAPPE

Quali sono i comportamenti virtuosi da mettere in atto giorno per giorno per mettere al sicuro la funzionalità delle tue articolazioni? Proviamo a spiegarlo in 5 consigli facili da seguire; inoltre, per chi volesse partire da subito con un po’ di movimento in più, proviamo a dare qualche consiglio su come scegliere gli esercizi giusti.

  1. Un inizio lento e graduale. La mossa vincente per ricominciare a muoversi dopo un periodo di inattività – in particolare se soffrite di artrite psoriasica – è un inizio lento e graduale. Ad esempio, potete camminare di più, cominciando con piccoli percorsi da dieci minuti e ragionando in modo incrementale fino a raggiungere la mezz’ora , poi l’ora al giorno. Non necessariamente devono essere consecutivi, anzi meglio inframmezzarli con altre attività.
  2. Non esagerare. Sei siete fuori allenamento i vostri muscoli dovranno fare una fatica enorme per garantire una performance decente. Ora immaginate che questo sforzo si somma all’infiammazione dovuta all’artrite, con la naturale conseguenza di causare dolore muscolare e articolare. Rendersi conto se state esagerando è semplice. Ad esempio, se avvertite dolore per un semplice piegamento, ma soprattutto se questo peggiora il giorno dopo: rallentate un po’ e fermatevi prima che sia troppo tardi!
  3. Divertirsi. Inserire una nuova abitudine nella propria quotidianità non è affatto semplice. Se la nuova abitudine in questione è anche noiosa è ancora più difficile. Vi piacciono gli esercizi soft? Considerate lo yoga o il Pilates.
    Amate le cose ripetitive? Che ne dite del sollevamento pesi.
    Adorate stare all’aria aperta? Cammina e vai in bicicletta e ricorda che secondo dati recenti l’accoppiata sport e aria aperta non fanno solo bene al cuore: la vitamina D naturale che ti arriva dal sole è un toccasana per psoriasi e artrite psoriasica.
  4. Bere a sufficienza. Le stagioni calde generalmente giovano alla psoriasi: assicurati di bere a sufficienza mentre ti alleni per prevenire la disidratazione e pianifica le attività nei giusti momenti della giornata, quelli meni caldi: al mattino o in prossimità del tramonto. Nulla vieta di praticare l’attività sportiva all’aria aperta anche d’inverno, con attenzione alla giusta idratazione e scegliendo le ore più tiepide.
  5. Lo Yoga aiuta. I movimenti delicati possono alleviare il dolore, contribuendo a mantenere la mobilità articolare. Un numero sempre maggiore di evidenze mostra i benefici dello yoga sulla salute generale – e, in particolare, sulla capacità di tenere sotto controllo lo stress o la depressione – o la sua efficacia insieme alla meditazione nella riduzione del dolore cronico in patologie come il mal di schiena, l’artrite, la sclerosi multipla, il cancro… Imparare a porre attenzione alla respirazione, acquisire la consapevolezza del movimento, ma anche acquisire la capacità di intervenire sulla soglia del dolore personale, innalzandola, aiuta nella gestione del dolore anche cronico.

COME SCEGLIERE GLI ESERCIZI GIUSTI?

  • Gli esercizi di movimento sono mirati a ridurre il dolore e la rigidità e a mantenere le articolazioni in movimento. Per ottenere il massimo beneficio, questi esercizi dovrebbe essere fatti tutti i giorni.
  • Gli esercizi di rafforzamento servono a mantenere o ad aumentare il tono muscolare e a proteggere le articolazioni.
  • Gli esercizi di stretching moderato aiutano ad alleviare il dolore e a mantenere i muscoli e tendini flessibili pronti a supportare l’articolazione interessata.
  • Esercizi di resistenza servono a rafforzare il cuore, a dare energia, a controllare il peso e incidono positivamente sull’umore. Questi esercizi includono cose come camminare, nuotare e andare in bicicletta.
  • È meglio evitare esercizi ad alto impatto come l’aerobica, il jogging o la kickboxing.

FONTE

WebMd National Psoriasis Foundation


Avvertenza di rischio

In conformità alle “Linee guida in materia di trattamento di dati personali per finalità di pubblicazione e diffusione nei siti web esclusivamente dedicati alla salute”, emesse dal Garante per la protezione dei dati personali con il Provvedimento n. 31 del 25/1/2012, pubblicato sulla G.U. n. 42 del 20/2/2012, la Janssen-Cilag S.p.A., gestore del presente sito www.psoriasi360.it segnala che in alcune parti del sito stesso è consentito all’utente fornire propri dati personali, anche di natura sensibile, in quanto relativi alla salute, al fine di ottenere informazioni e/o servizi dal sito stesso.

A tale proposito, Janssen-Cilag S.p.A. segnala che, immettendo dati personali sensibili collegati a dati identificativi, si può essere individuati con la propria specifica patologia.

Al fine di tutelare al massimo grado la riservatezza dell’utente, la Janssen-Cilag S.p.A. ha adottato i seguenti provvedimenti per quanto riguarda il presente sito www.psoriasi360.it:

  • in fase di registrazione, l’utente potrà evitare di inserire il proprio nome e cognome tra i dati di registrazione, utilizzando invece un nickname che non consenta di risalire alla propria identità;
  • i dati di contatto eventualmente forniti (quali ad esempio l’indirizzo di posta elettronica) non sono mai pubblicati sul sito, ma esclusivamente utilizzati per fornire le informazioni o il servizio richiesto dall’utente.

Rispetto ai contenuti eventualmente immessi dall’utente nelle pagine di raccolta dati per l’ottenimento di informazioni e/o di servizi del sito (esempio: domande su questioni attinenti la salute, dati relativi alla salute per aderire ad uno specifico servizio, ecc.), la Janssen-Cilag S.p.A. avverte l’utente di valutare con la necessaria attenzione i dati personali forniti, con particolare riguardo al fatto che attraverso tali dati sia possibile risalire, anche in maniera indiretta, alla propria identità o all’identità di terzi (ad esempio attraverso il riferimento a luoghi, persone, circostanze e contesti).

Si precisa che i dati contenuti nella pagina di raccolta del quesito sono indicizzabili dai motori di ricerca generalisti (es. Google, Yahoo).

Janssen-Cilag S.p.A. assicura comunque che i dati personali eventualmente forniti non saranno disponibili agli altri utenti del sito e che saranno trattati da Janssen-Cilag S.p.A. esclusivamente per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa sempre presente nelle pagine del sito attraverso le quali l’utente può fornire propri dati personali.L’utente è invitato a prendere visione della presente “Avvertenza di rischio”, unitamente alla Privacy Policy del sito, apponendo un segno di spunta in un’apposita casella sempre presente nelle pagine di raccolta dati, in calce all’informativa.

La presente “Avvertenza di rischio” è stata aggiornata il 26 marzo 2014.

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok