Sintomi

 

ARTRITE PSORIASICA: COS’È?

  • è una malattia autoimmune di tipo infiammatorio che colpisce le articolazioni
  • colpisce circa il 10-30% delle persone che soffrono di psoriasi
  • colpisce ugualmente donne e uomini
  • si manifesta per lo più tra i 30 e i 50 anni

Psoriasi e artrite psoriasica: che relazione esiste?

La psoriasi è una malattia autoimmune che si manifesta quando il sistema immunitario si “confonde” e decide di “attaccare” la pelle. L’attacco si traduce in chiazze rosse (manifestazione dell’infiammazione) sulla pelle, spesso coperte da desquamazioni di colore bianco-argenteo. La psoriasi può coinvolgere solo alcune piccole zone di pelle o viceversa estendersi ad una parte più ampia del corpo.

Nell’artrite psoriasica, anch’essa patologia autoimmune di natura infiammatoria, il bersaglio dell’attacco da parte del sistema immunitario sono le articolazioni. L’attacco causa un’infiammazione delle articolazioni caratterizzata da dolore, gonfiore, rossore e rigidità articolare.

QUANDO RIGUARDA TE?

Se hai la psoriasi, o un tuo familiare di primo grado ha la psoriasi, qualsiasi nuovo dolore articolare inspiegabile in può essere un segnale di allarme.

Da non trascurare

  1. il gonfiore delle dita di una mano o di un piede (le dita possono assumere il tipico aspetto detto “a salsicciotto”)
  2. il dolore articolare o dei tendini anche quando lieve

L’artrite psoriasica causa uno stato infiammatorio nell’articolazioni colpite (con gonfiore, dolore, rossore).
L’infiammazione è come un fuoco acceso nell’articolazione, lasciandolo bruciare creerà danni permanenti.
Meglio prevenire l’incendio o spegnerlo tempestivamente.

La checklist dei sintomi da tenere sotto controllo

È bene vedere uno specialista (reumatologo o dermatologo) se uno qualsiasi dei seguenti sintomi dura per più di due settimane:

  1. Si avverte un dolore o una rigidità insolita alle articolazioni.
    A volte l’artrite psoriasica si manifesta dopo un infortunio ad un’articolazione e può essere erroneamente diagnosticata.
  2. Il dolore e la rigidità sono peggiori la mattina e durano più di 30-60 minuti, ad esempio, fino a che le articolazioni riscaldandosi iniziano a dolere meno.
  3. Il dolore e la rigidità delle articolazioni caratterizzano (in qualche misura anche variabile) la maggior parte della giornata, causando disagio anche la notte.
  4. Si avverte gonfiore alle dita di piedi e mani, che assumono la tipica forma a “salsicciotto”.
  5. Se si avverte una sensazione di maggiore stanchezza e di più facile affaticamento.
    In alcune persone un esordio di artrite è associato ad una sensazione di maggiore stanchezza e ad un aumento di peso, dovuto ad una minore capacità di svolgere attività fisica.
  6. Cambiamenti alle unghie: per esempio se le unghie si separano dal letto ungueale, cambiano colore e fanno pensare alla presenza di una micosi.
  7. Rossore e dolore agli occhi, come nel caso di congiuntivite.


Avvertenza di rischio

In conformità alle “Linee guida in materia di trattamento di dati personali per finalità di pubblicazione e diffusione nei siti web esclusivamente dedicati alla salute”, emesse dal Garante per la protezione dei dati personali con il Provvedimento n. 31 del 25/1/2012, pubblicato sulla G.U. n. 42 del 20/2/2012, la Janssen-Cilag S.p.A., gestore del presente sito www.psoriasi360.it segnala che in alcune parti del sito stesso è consentito all’utente fornire propri dati personali, anche di natura sensibile, in quanto relativi alla salute, al fine di ottenere informazioni e/o servizi dal sito stesso.

A tale proposito, Janssen-Cilag S.p.A. segnala che, immettendo dati personali sensibili collegati a dati identificativi, si può essere individuati con la propria specifica patologia.

Al fine di tutelare al massimo grado la riservatezza dell’utente, la Janssen-Cilag S.p.A. ha adottato i seguenti provvedimenti per quanto riguarda il presente sito www.psoriasi360.it:

  • in fase di registrazione, l’utente potrà evitare di inserire il proprio nome e cognome tra i dati di registrazione, utilizzando invece un nickname che non consenta di risalire alla propria identità;
  • i dati di contatto eventualmente forniti (quali ad esempio l’indirizzo di posta elettronica) non sono mai pubblicati sul sito, ma esclusivamente utilizzati per fornire le informazioni o il servizio richiesto dall’utente.

Rispetto ai contenuti eventualmente immessi dall’utente nelle pagine di raccolta dati per l’ottenimento di informazioni e/o di servizi del sito (esempio: domande su questioni attinenti la salute, dati relativi alla salute per aderire ad uno specifico servizio, ecc.), la Janssen-Cilag S.p.A. avverte l’utente di valutare con la necessaria attenzione i dati personali forniti, con particolare riguardo al fatto che attraverso tali dati sia possibile risalire, anche in maniera indiretta, alla propria identità o all’identità di terzi (ad esempio attraverso il riferimento a luoghi, persone, circostanze e contesti).

Si precisa che i dati contenuti nella pagina di raccolta del quesito sono indicizzabili dai motori di ricerca generalisti (es. Google, Yahoo).

Janssen-Cilag S.p.A. assicura comunque che i dati personali eventualmente forniti non saranno disponibili agli altri utenti del sito e che saranno trattati da Janssen-Cilag S.p.A. esclusivamente per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa sempre presente nelle pagine del sito attraverso le quali l’utente può fornire propri dati personali.L’utente è invitato a prendere visione della presente “Avvertenza di rischio”, unitamente alla Privacy Policy del sito, apponendo un segno di spunta in un’apposita casella sempre presente nelle pagine di raccolta dati, in calce all’informativa.

La presente “Avvertenza di rischio” è stata aggiornata il 26 marzo 2014.

Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri o di altri siti) per inviarti pubblicitá in linea con le tue preferenze.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Ok