tatuaggio e psoriasi

Domanda

Buongiorno,
Vi scrivo per avere un consiglio. A 12 anni, a seguito di un forte trauma emotivo, mi è comparsa la psoriasi localizzata sui gomiti.
È stata curata con una crema al cortisone , con lampade solari e con bagni al mare. Dopo 2 mesi (di cui solo uno con il trattamento cortisonico) è scomparsa definitivamente.
Ora ho 24 anni e la psoriasi ricompare in maniera molto leggera e quasi invisibile solo quando ci sono periodi di stress (non ho placche bianche di pelle secca, ma solo prurito sul gomito).
Vorrei provare a fare un tatuaggio, ma vorrei sapere se ci sono delle controindicazioni.
Spero in una vostra risposta.
Grazie mille

Chiara Grassi

Print Friendly

Risposta

Gentile Utente, fortunatamente lei è affetto da una forma molto lieve di psoriasi, con un lungo periodo di benessere tra le manifestazioni cliniche. Sinceramente le sconsiglierei di fare un tatuaggio, per il cosiddetto fenomeno noto come isomorfismo di Koebner, che consiste nello sviluppo di chiazze di psoriasi laddove si verifichi un trauma (come in questo caso sarebbe il tatuaggio stesso).


La Dott.ssa Jennifer Marchetti Cautela è laureata in medicina e chirurgia con specializzazione in dermatologia. Lavora presso il dipartimento di dermatologia dell’ospedale San Lazzaro, Città della salute di Torino e dell’ospedale sant’Andrea di Vercelli.

TAGS

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>