Verosimile psoriasi dei genitali

Domanda

Salve. Ho 37 anni e da 15 anni soffro di un “eczema” genitale (testicoli, pene, glande) e perianale che è stato infine diagnosticato (inizio 2017) come psoriasi o dermatite psoriasiforme (nemmeno allo Psocare hanno saputo fornirmi una diagnosi certa nonostante la biopsia fatta una settimana prima della visita). In questi 15 anni sono stato da almeno 6 dermatologi, sono andato all’IDI oltre che allo Psocare. Per anni mi è stato detto di usare cortisonici in crema (Elocon, Fucicort, Fucidin, ultimamente Dovobet e altre che non ricordo) o recentemente creme di altro genere (Calcipotriolo). Il cortisone è l’unico che faccia effetto ma, finita la terapia, la patologia torna nel giro di massimo una settimana. La patologia peggiora di mese in mese, nell’ultimo anno e mezzo soprattutto in modo evidente. La mia vita sessuale è finita, spesso il dolore mi rende complicato evacuare o, in taluni casi particolarmente acuti anche se rari, anche camminare (lo strofinamento delle lesioni genitali con i tessuti a volte e estremamente doloroso). Ho lesioni aperte in zona perianale praticamente ogni due giorni (fessure longitudinali che talvolta, per sforzo meccanico, sanguinano). Il dermatologo che mi ha seguito negli ultimi tre anni ha alzato bandiera bianca, mi ha vietato i cortisonici, di cui ormai ho abusato, e mi ha prescritto emollienti, i quali però non sortiscono alcun effetto (e bruciano molto sulle ferite aperte). Poi mi ha consigliato di andare allo Psocare, dove mi sono prontamente recato nel febbraio scorso. Sfortunatamente, la dottoressa dello Psocare che ha letto i risultati della biopsia e che mi ha “visitato” (in realtà, seduta alla sua scrivania a due metri da me, mi ha detto di abbassarmi in pantaloni davanti alla finestra che dava sulla strada: questa è stata la “visita”) ha detto che il mio caso non rientra tra quelli per i quali sono consentite le terapie biologiche, nonostante la mia qualità della vita sia crollata. Dice che il PASI è troppo basso.
Vi scrivo per avere un parere generale sulla mia situazione e per sapere se esistono linee guida che mi consentano di accedere ai farmaci biologici o se mi devo rassegnare.
Sono depresso e penso spesso al suicidio.

Scusate se mi sono dilungato.
Saluti.

Print Friendly

Risposta

Caro utente voglio prima di tutto dirti di non scoraggiarti! In riferimento al tuo caso bisogna fare una corretta diagnosi e capire se è una psoriasi o un eczema. Di certo oltre le terapie topiche con le creme vi sono delle valide alternative terapeutiche sistemiche. Nel caso si trattasse di psoriasi, interessando i genitali, che sono una sede nobile, anche se il PASI e' basso, secondo la gazzetta ufficiale si può procedere con i farmaci biologici se il paziente ha fallito la terapia con almeno un DMARDs tradizionale ( ciclosporina, methotrexate ecc.) Ti consiglio di effettuare una nuova visita presso la più' vicina unità di Dermatologia


Dott. Rosario Gurreri

TAGS

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>