Prurito

Domanda

Anamnesi minima: esordio 1983. Sintomi maggiori: prurito anche urente area perianale, intensa desquamazione cuoio capelluto. Numerose visite specialistiche: diagnosi dermatite seborroica oppure atopica. Solo nel 2003 è stata posta la diagnosi di psoriasi di grado lieve. Terapia solo per desquamazione cuoio capelluto. Nel 2011 dopo aver letto articolo su vit D3 – ma per altri motivi- la sua assunzione per la prima volta in trent’anni riduce tormentoso prurito anale. Libero dal sintomo per oltre due anni, di recente si è ripresentato anche se in forma più lieve rispetto al passato. Scarsi risultati con crema specifica per psoriasi prodotta da casa produttrice francese (se vorrete potrò specificare nome commerciale), consigliatomi dallo specialista che pose la diagnosi oltre dieci anni fa. Come eliminare questo sintomo che ha ricadute non da poco nella vita quotidiana? Le diverse indagini di routine che eseguo annualmente sono tutte nella norma.
Ringrazio e porgo i miei migliori saluti

Print Friendly, PDF & Email

Risposta

Gent.mo Federico, innanzitutto bisogna capire se il prurito che riferisce è legato alla psoriasi. Per questo le consiglio di rivolgersi ad un centro specializzato nella cura di questa patologia. Esistono comunque ungente a base di vitamina E e di Vitamina D che possono alleviare il sintomo localmente. Cordiali Saluti

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>