Gravità della psoriasi e qualità di vita dei pazienti

Valutare l’impatto della gravità della psoriasi sulla qualità di vita generale (QOL) è un passo fondamentale nella ricerca di nuovi risultati che aiutino a capire e curare la malattia e che supportino i ricercatori nello sviluppo di modelli analitico-decisionali basati e costruiti su stati di salute definiti da misure cliniche.

Mentre i dati della pratica clinica di routine provenienti dai registri sanitari sono sempre più utilizzati nella ricerca, occorre prestare maggiore attenzione nel cercare di capire la relazione che esiste tra le misure cliniche della gravità della malattia e quelle che valutano la qualità di vita del paziente, a partire da questi dati.

Proprio per una migliore presa in carico del paziente finalizzata a migliori esiti in termini di salute e a una riduzione dei costi sanitari, lo scopo di questo studio longitudinale, pubblicato sulla rivista open access Health and Quality of Life Outcomes, è stato quello di indagare la relazione tra gravita della psoriasi e qualità della vita in pazienti con psoriasi, utilizzando un set di dati basato sulla popolazione.

 

Misurare  la gravità della psoriasi

La gravità della malattia è stata misurata utilizzando il Psoriasis Area Severity Index (PASI), che fornisce una misura dell’area di superficie corporea interessata dalla psoriasi e un indice di gravità, combinando la gravità di eritema, indurimento e desquamazione in un singolo valore compreso tra 0 e 72.

La qualità della vita è stata misurata utilizzato lo strumento generico EQ-5D-3L, indipendente dalla malattia.  La combinazione tra PASI ed EQ-5D-3L è stata stimata utilizzando un set di dati basato su una popolazione di 2.674 pazienti con psoriasi da moderata a grave arruolati nell’arco di dieci anni nel registro svedese della psoriasi (the Swedish psoriasis register – PsoReg). Dall’analisi dei dati è emerso che i cambiamenti marginali nei valori dati dal PASI erano associati a una risposta non lineare nei punteggi dell’EQ-5D-3L.

L’obiettivo dello studio era di mostrare come i dati dei registri nazionali possano essere utilizzati per fornire stime longitudinali dell’associazione tra la qualità di vita del paziente e la gravità della malattia. Nello specifico terreno di analisi che è stato quello della psoriasi, l’analisi longitudinale ha fatto emergere che il punteggio PASI, quindi la misura di gravità ed estensione della malattia, ha un impatto maggiore sulla qualità della vita rispetto a quanto precedentemente si pensasse.

 

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte:

Geale K, Henriksson M, Schmitt-Egenolf M. How is disease severity associated with quality of life in psoriasis patients? Evidence from a longitudinal population-based study in Sweden. Health Qual Life Outcomes. 2017; 15: 151.

Print Friendly, PDF & Email
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>