Che cosa accade sotto la pelle dei pazienti psoriasici?

Il team di ricercatori dell’Helmholtz Zentrum München e della Technical University of Munich (TUM) ha recentemente presentato questa nuova tecnologia che consente di scannerizzare i tessuti per indagare cosa accade sotto l’epidermide dei pazienti psoriasici sulla rivista Nature Biomedical Engineering.

Si tratta di uno strumento in grado di fornire informazioni clinicamente rilevanti, come la struttura degli strati epidermici e dei vasi sanguigni, senza bisogno di agenti di contrasto o di esposizione a radiazioni.

La psoriasi (Psoriasis vulgaris) è una malattia infiammatoria caratterizzata da lesioni che interessano la pelle – placche rotondeggianti di colore rossastro, dai confini abbastanza netti, di varia grandezza, che presentano sulla superficie squame di colorito bianco argenteo facilmente staccabili. Questa forma di psoriasi è anche nota come psoriasi a placche ed è la più tipica forma della malattia – si stima che disturbo affligga tra i dieci e i quindici milioni di persone nell’Unione Europea -, interessa per lo più ginocchia, gomiti, cuoio capelluto, la zona dietro alle orecchie, quella ombelicale, fra i glutei ed i genitali.

Ad oggi, i medici valutano il livello della malattia basandosi sull’esame clinico che tiene conto dell’aspetto visuale della superficie epidermica, del rossore e della densità delle squame. “Sfortunatamente le osservazioni cliniche si basano tutte su parametri che riguardano solo la superficie della pelle e possono essere soggettivi”, ha dichiarato il dottor Juan Aguirre, uno dei responsabili del team. “Conoscere la struttura profonda della pelle e dei vasi sanguigni prima di iniziare una terapia consentirebbe invece allo specialista di ottenere una serie di informazioni utili anche alla scelta del trattamento”.

La nuova tecnologia è stata denominata RSOM (dall’inglese raster-scan optoacoustic mesoscopy) e lavora attraverso un leggero impulso laser che sollecita i tessuti di interesse, che quindi assorbono energia e si surriscaldano un po’. Questo processo provoca una temporanea espansione dei tessuti che genera onde sonore ad altissima frequenza (ultrasuoni). Gli scienziati misurano questi ultrasuoni e utilizzano queste informazioni per ricostruire un’immagine ad alta risoluzione di quello che accade sotto pelle.

Ed è così che la RSOM avrebbe permesso di determinare alcune caratteristiche della psoriasi e dell’infiammazione, incluso il rossore dell’epidermide, la densità capillare, il numero dei vasi sanguigni e il volume totale del sangue nella pelle; tutti dati utilizzati poi per definire un nuovo indice clinico di misurazione della gravità della psoriasi, che possa tenere conto anche di ciò che accade sotto la superficie epidermica. La RSOM di presenta come tecnica di imaging promettente e innovativa che potrebbe permettere di valutare meglio anche altre patologie come i tumori della pelle o il diabete.

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte:

Aguirre, J. et al. Precision assessment of label-free psoriasis biomarkers with ultra-broadband optoacoustic mesoscopy. Nature Biomedical Engineering, DOI: 10.1038/s41551-017-0068

 

Print Friendly

TAGS

2 COMMENTI
Angela ragone
29 gennaio 2018

Vorrei sapere se la psoriasi è contagiosa grazie

RISPONDI >>
    Redazione
    1 febbraio 2018

    Ciao Angela, grazie per il commento. Come indicato nella sezione Netiquette non possiamo fornire consigli terapeutici o indicazioni sulla composizione del farmaco stesso, prerogativa che spetta solo ad un medico. Il nostro intento è quello di creare una community informata, consapevole e aperta al dialogo. Sul nostro sito puoi trovar contenuti, approfondimenti e news dalla letteratura scientifica internazionale e nazionale sulla patologia che hanno proprio questo obiettivo. Se dovessi aver bisogno di un consulto sul nostro sito, puoi confrontarti con un esperto Dermatologo utilizzando il nostro servizio l'esperto risponde https://psoriasi360.it/esperto-risponde/o https://psoriasi360.it/esperto-telefonico/, trovare il centro specializzato più vicino (https://psoriasi360.it/centri-cura/) a te oppure prenotare una chat: https://psoriasi360.it/esperto-chat/ Un caro saluto ed una buona giornata.

    RISPONDI >>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>