Debutta negli Stati Uniti “l’agenda pubblica” per la psoriasi

Un’agenda “pubblica” per dar voce ai cittadini affetti da psoriasi e artite psoriasica. Un insieme di iniziative per informare e supportare chi ogni giorno convive con queste patologie e per pianificare interventi sanitari strutturati che garantiscano a tutti i pazienti l’accesso alle “migliori cure possibili”.

È l’iniziativa lanciata negli Stati Uniti dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC), organismi deputati al controllo epidemiologico e alla prevenzione sanitaria, che punta l’attenzione sulle possibili interazioni tra ambiente e patologie croniche alla ricerca di eventuali fattori scatenanti.

La psoriasi e l’artrite psoriasica hanno spesso alla base un’alterazione genetica che si trasmette per via ereditaria con l’intervento di fattori ambientali e psico-emotivi”, spiega Andrew Robertson, direttore scientifico della National Psoriasis Foundation (NPF). Diversi fattori ambientali sono in grado di intervenire nel decorso della psoriasi inducendone l’aggravamento o influenzandone in qualche modo l’andamento clinico. È quindi importante indagare in questa direzione e cercare di capirne di più.

Già nel 2009, proprio a seguito di una capillare campagna di sensibilizzazione portata avanti dalla NPF, il Congresso aveva stanziato 1,5 milioni di dollari per intraprendere la prima grande raccolta dati su base nazionale. Ora attraverso l’impegno congiunto dei diversi attori, istituzioni, specialisti e associazioni di pazienti, si è giunti a individuare una lista di priorità su cui lavorare. Determinare se gli attuali iter diagnostici possano essere applicati su larga scala e validati con ricerche ad hoc, analizzare prevalenza, quadri sintomatologici e comorbilità connesse alla patologia; valutare i costi sanitari e sociali della malattia; studiare l’impatto della psoriasi e dell’artrite psoriasica sulla qualità di vita del paziente.

L’Agenda, che è stata presentata sull’American Journal of Preventive Medicine, mira inoltre a far chiarezza su alcuni aspetti chiave della malattia quali modalità ed età d’insorgenza, prevalenza per sesso e appartenenza a differenti gruppi etnici, ruolo del sistema immunitario nell’attivazione della patologia. Nella consapevolezza che le evidenze scientifiche siano alla base di qualsiasi percorso terapeutico-assistenziale.

E in Italia a che punto siamo?

Dott.ssa Stefania Mengoni, scientific editor

Fonte: Bartlett C. Helmick CG, Sacks JJ et al. Psoriasis and Psoriatic Arthritis: a Public Health Agenda. American Journal of Preventive Medicine 2013; 44 (4).

Print Friendly, PDF & Email

TAGS

1 COMMENTI
celestino
28 Febbraio 2013

vorrei avere informazioni piu dettagliate per la psioriasi se ci sono cure migliori ne sono affetto da questa sintome da altre 15 anni grazie

RISPONDI >>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>