La complessità della psoriasi: una cosa di cui discutere durante la visita medica

La complessità della psoriasi è data da una molteplici fattori. Innanzitutto, ricordiamo che questa patologia è una malattia sistemica cronica infiammatoria spesso è associata ad artrite, depressione, malattie infiammatorie intestinali e malattie cardiovascolari.

Recentemente, diverse altre patologie sono state riscontrate come correlate allo stato infiammatorio cronico tipico della psoriasi. Comprendere queste condizioni e prenderle in considerazione durante la visita medica, può certamente portare ad una migliore gestione della malattia.

La complessità della psoriasi porta i soggetti a sviluppare maggior rischio di sviluppare alcune malattie. Queste includono tra le altre:

  • L’artrite psoriasica : una complicanza della psoriasi che può causare danno articolare e una perdita di funzione in alcune articolazioni, che può essere debilitante.
  • Affezioni oculari (link ad articolo in approvazione Uveite e psoriasi: un doppio legame): alcuni disturbi oculari – come congiuntivite e uveite – sono più comuni nelle persone con psoriasi.
  • Altre malattie autoimmuni : celiachia e malattie infiammatorie intestinali, come ad esempio la malattia di Crohn, hanno maggiori probabilità di colpire persone con la psoriasi.
  • Il diabete: il rischio di diabete di tipo 2 risulta aumentato nelle persone con psoriasi. Il più grave è la psoriasi, maggiore è la probabilità di soffrire di diabete di tipo 2.
  • Alta pressione sanguigna: le probabilità di avere la pressione alta sono più elevate per le persone con psoriasi.
  • Patologie cardiovascolari: per le persone con psoriasi, infatti, il rischio di infarto, quello di battito cardiaco irregolare e di ictus è più alto rispetto alle persone che non soffrono della malattia. Questo potrebbe essere dovuto ad un eccesso di infiammazione o ad un aumento del rischio di obesità e di altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.
  • Sindrome metabolica: si tratta di un insieme di condizioni – tra cui ipertensione, elevati livelli di insulina e livelli di colesterolo anomali – che aumenta il rischio di malattie cardiache. Le persone con psoriasi hanno un rischio maggiore di sindrome metabolica.
  • Obesità: le persone con psoriasi, in particolare con la malattia nelle forme più gravi, hanno maggiori probabilità di essere obese. Non è chiaro come queste malattie siano legate, però l’infiammazione legata all’obesità potrebbe giocare un ruolo nello sviluppo della psoriasi. O viceversa è possibile che le persone che soffrono di psoriasi abbiano maggiori probabilità di aumentare di peso, forse perché sono meno attivi a causa della loro psoriasi.

La psoriasi può anche influenzare la qualità della vita, aumentando il rischio di:

  • Bassa autostima
  • Depressione 
  • Isolamento sociale
  • Problemi sul lavoro, che può portare a un reddito più basso

Le evidenze scientifiche suggeriscono spesso questa relazione tra la psoriasi e diverse patologie. Questo al punto che i pazienti affetti da psoriasi presentano, infatti, una maggiore mortalità e più alti tassi di ospedalizzazione, che indicano l’opportunità di un approccio multidisciplinare nella gestione di questi pazienti.

Più in generale, di fronte a un paziente con psoriasi, è importante che il medico riesca a:

  1. valutare le possibili comorbidità o il rischio che possano verificarsi, insieme ad aspetti che riguardano lo di stile di vita (ad esempio: abitudine al fumo e alcolismo);
  2. fare un esame clinico (per la valutazione di peso corporeo, altezza, indice di massa corporea, circonferenza vita), e un esame oftalmologico;
  3. valutare la gravità e l’estensione della psoriasi;
  4. richiedere esami di laboratorio (i livelli di glucosio e colesterolo nel sangue, il profilo epatico e la funzione renale);
  5. incoraggiare stili di vita sani;
  6. utilizzare strumenti per valutare l’ansia e la depressione.

Più in generale la visita medica dovrebbe diventare l’occasione per mettere il paziente al centro della cura, facendosi carico degli aspetti legati alla malattia, ma anche quelli legati alla sua qualità di vita.

Dunque, indipendentemente dal trattamento scelto, dal momento che lo stress emotivo è un fattore scatenante e aggravante per la psoriasi, è importante consigliare di ridurre lo stress attraverso la pratica di attività come lo yoga, la meditazione e gli esercizi di rilassamento.

I pazienti dovrebbero non solo ricevere una terapia farmacologica personalizzata, ma anche consigli nutrizionali.

Consigli nutrizionali in caso di psoriasi

Le raccomandazioni generali in termini nutrizionali comprendono:

  • una dieta ipocalorica con alimenti a basso contenuto glicemico e ricchi di acidi grassi polinsaturi;
  • alcuni studi hanno mostrato benefici associati all’adozione di una dieta vegetariana ricca di omega-3, vitamina C, flavonoidi, carotenoidi e tocoferoli;
  • il glutine deve essere escluso solo dalla dieta di pazienti positivi agli anticorpi anti-gliadina/transglutaminasi, specialmente se sintomatica;
  • la supplementazione di nutrienti specifici, invece, dovrebbe essere valutata caso per caso.

Sicuramente un trattamento precoce e aggressivo della psoriasi grave, dell’artrite psoriasica e delle comorbidità associate può influenzare positivamente lo stato di benessere dei pazienti e, probabilmente, la loro longevità.

Dunque per ottenere un controllo a lungo termine della malattia e migliorare la qualità di vita del paziente, un approccio integrale della psoriasi deve comprendere:

  1. l’identificazione di fattori di rischio cardiovascolare e per le malattie metaboliche
  2. l’adattamento dei trattamenti in corso per le patologie concomitanti già esistenti
  3. la valutazione dei disturbi psicologici/psichiatrici esistenti

 

 

Norina Wendy Di Blasio, scientific editor

Fonte:

  • Comorbidities associated with psoriatic disease. National Psoriasis Foundation
  • Maria de Fátima Santos Paim de Oliveira, Gleison Vieira Duarte. Psoriasis: classical and emerging comorbidities. DOI
Print Friendly
2 COMMENTI
Grazia Mangano
4 gennaio 2016

Da anni a causa dei miei " DOLORI"ho girato parecchi medici, compresi ....Reumatologi....secondo me NESSUNO ha capito che io possa avere la psoriasi...quali sono gli accertamenti da effettuare x vedere se soffro di questa patologia.....grazie!!!

RISPONDI >>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>