Malattie croniche della pelle ed emozioni

Uno studio condotto dalla Tartu University (Estonia) ha fatto emergere con maggiore chiarezza la relazione tra stato emotivo, qualità della vita e malattie croniche della pelle. L’equipe guidata dal Dottor Ene Pärna ha osservato pazienti affetti da psoriasi, eczema, acne, dermatite seborroica, mettendoli a confronto con persone non affette da alcuna patologia. L’osservazione ha rilevato come i pazienti dermatologici in genere presentino una maggiore percentuale di disturbi emotivi rispetto alle persone sane, e come anche i disturbi emotivi si differenzino anche a seconda della patologia e della gravità del disturbo.

Estensione dell’eruzione cutanea, attività o latenza della malattia, area interessata e sintomi associati, prurito e desquamazione sono tutti elementi che influenzano il livello di stress del paziente ed interferiscono nelle capacità di relazione e sull’autostima. A questo si aggiunge anche l’impatto che la condizione dermatologica ha sui rapporti interpersonali, specialmente nelle situazioni di vicinanza ed esposizione della pelle: il 26% dei malati di psoriasi ha avuto esperienze di persone che avevano paura a toccarli, mentre nei pazienti affetti da acne si sono riscontrate difficoltà ad instaurare relazioni sentimentali e fenomeni di derisione.

La psoriasi in particolare è stata riscontrata in associazione con bassa autostima, depressione, manie suicide, preoccupazione e stress. Ma non solo, la malattia sembra avere una associazione anche con disordini quali la depressione, l’ansia e l’abuso di sostanze. Gli stessi disagi emotivi sono presenti in pazienti con l’acne ed eczema così come nei malati di dermatite seborroica, anche se in percentuale minore. Un ulteriore disturbo di frequente associato a condizioni dermatologiche come eczema, psoriasi e acne è l’insonnia. E dato che in questo studio i disturbi del sonno sono stati la più importante forma di disagio riscontrata, sono auspicabili ulteriori ricerche sui problemi di sonno in questi pazienti.

Questa compresenza di problematiche fisiche ed emotive evidenzia la necessità di un approccio multidisciplinare nei confronti della psoriasi e delle altre malattie della pelle, in grado di curare contemporaneamente ed in maniera sinergica i disturbi fisici senza perdere di vista quelli emotivi, per migliorare l’autostima, le relazioni sociali e la qualità della vita dei pazienti.

Norina Wendy Di Blasio

Fonte

Ene Pärna, Anu Aluoja, Külli Kingo. Quality of Life and Emotional State in Chronic Skin Disease

Print Friendly

0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>