Sintomi della psoriasi e stagionalità

Quale relazione intercorre tra i sintomi della psoriasi e la stagionalità? I pazienti con psoriasi riferiscono frequentemente cambiamenti nei loro sintomi legati alla stagione; ad esempio, spesso chi soffre di psoriasi descrive l’inverno come il momento dell’anno più difficile da affrontare.

L’aria secca, la minor esposizione alla luce solare e una maggiore probabilità di ammalarsi per sindromi infettive o influenzali possono peggiorare la sintomatologia della psoriasi.  Non sono molti gli studi che hanno analizzato il legame tra i sintomi della psoriasi e le stagioni: proprio per verificare indirettamente questa correlazione, lo studio pubblicato sul Postgraduate Medical Journal si è chiesto se ci fosse un maggiore interesse su base stagionale per la malattia, indicativo di un peggioramento dei sintomi che i pazienti riportano in alcune stagioni dell’anno. I ricercatori sono partiti dall’analisi dei dati di ricerca degli utenti attraverso Google Trends, con l’idea sia di provare a individuare un pattern stagionale per la malattia sia di osservare l’andamento nell’interesse delle persone.

Cosa cercano i pazienti su internet? Perché è importante saperlo?

Le ricerche fatte dagli utenti – su Internet o sui social – dagli smartphone vengono spesso monitorate ed usate come base dati per ottenere informazioni su quanto le persone si interessino a temi che riguardano la salute, su come ne parlano, su cosa vorrebbero sapere. Monitorare ciò che il paziente pensa e desidera sapere sulla sua malattia, significa comprendere meglio aspetti come la percezione dei sintomi e le speranze rispetto alle terapie intraprese. Una maggiore consapevolezza del punto di vista del paziente e del modo in cui vive la malattia permetterebbe di eliminare l’inevitabile disallineamento nella relazione medico-paziente e di arrivare a diagnosi più precise nonché terapie più individualizzate.

I sintomi della psoriasi sono influenzati dalle stagioni?

Vediamo cosa dicono le ricerche online. L’obiettivo dello studio era quello di utilizzare i set di dati di Google Trends per valutare se esistesse una tendenza stagionale nelle ricerche su Internet in tema di psoriasi da parte del pubblico in generale. Per rispondere alla domanda sono stati recuperati i dati sul volume di ricerca relativo al termine “psoriasi” da gennaio 2004 a dicembre 2018. Per valutare la stagionalità della malattia i ricercatori hanno messo a confronto i dati di due paesi dell’emisfero meridionale (Australia e Nuova Zelanda) e quattro paesi dell’emisfero settentrionale (Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Irlanda).

Complessivamente, è emerso che il numero di ricerche sulla psoriasi è diminuito costantemente tra il 2004 e il 2010, per poi aumentare di nuovo dal 2011 al 2018. È emersa, inoltre, una variazione stagionale – ovvero una stagionalità del volume di ricerca relativo alla psoriasi – significativa in tutto il mondo.

I picchi di ricerca più significativi si verificano a fine inverno e nei primi mesi di primavera, viceversa sono stati rilevati dei cali nelle ricerche nei mesi di fine estate e inizio autunno. Un dato che sembra tornare rispetto alle esperienze dei pazienti: durante i mesi invernali si è meno a contatto con i raggi solari che, come sappiamo, per la maggior parte degli psoriasici hanno effetti benefici. Inoltre, la scarsa umidità dell’aria e l’utilizzo di impianti di riscaldamento possono contribuire ad accrescere lo stato di secchezza della cute e a favorire la circolazione di virus influenzali, tutte condizioni che possono peggiorare la sintomatologia della psoriasi.

Quali sono le ricerche correlate alla psoriasi?

Cosa cercano i pazienti? Tra i primi 11 argomenti più ricercati, oltre ad alcuni farmaci specifici per la cura della malattia, compaiono spesso parole come:

  • Shampoo;
  • Eczema;
  • Psoriasi guttata;
  • Dermatite seborroica;
  • Dermatite;
  • Artrite psoriasica;
  • Dermatite atopica;

Questi sono i topic che vanno a indicare alcune delle aree d’interesse, dubbio o preoccupazione da parte degli utenti.

Le ricerche aumentano verso la fine dell’inverno

Questo sguardo analitico fotografa una sorta di andamento stagionale nell’interesse del pubblico, che cerca informazioni sulla psoriasi attraverso Internet soprattutto verso la fine dell’inverno/inizio primavera.

Servono ora ulteriori studi che possano dare conferma di questo pattern stagionale della psoriasi a partire dai dati clinici, in modo da poter poi esplorare i meccanismi sottostanti. Se uno studio più esaustivo potesse convalidare l’associazione tra la riacutizzazione della psoriasi e gli schemi che emergono dalle ricerche online, oltre a indagare la stagionalità nell’interesse pubblico, i dati provenienti da Internet potrebbero essere utilizzati per guidare gli interventi di sanità pubblica e gestire l’assistenza ai pazienti con psoriasi.

Fonte

Wu Q, Xu Z, Dan YL, Zhao CN, Mao YM, Liu LN, Pan HF. Seasonality and global public interest in psoriasis: an infodemiology study. Postgrad Med J. 2019 Sep 11. pii: postgradmedj-2019-136766. doi: 10.1136/postgradmedj-2019-136766. [Epub ahead of print]

Print Friendly, PDF & Email
0 COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Importante: nei commenti non è possibile usare i nomi commerciali dei farmaci in uso. Sarà cura della redazione sostituire il nome commerciale con la classe terapeutica prima della pubblicazione.

L'ESPERTO RISPONDE

PER CONTRASTARE IL DIABETE, COSI COME LA PSORIASI, AIUTANO PICCOLI MA IMPORTANTI CAMBIAMENTI NELLO STILE DI VITA.

HAI UNA DOMANDA?

SCRIVI DIRETTAMENTE AI NOSTRI ESPERTI

SCRIVI ORA >>